Germogli: nutrienti vivi con tanti benefici

21.07.2020

I germogli sono tra i cibi più ricchi di nutrienti, dieci-venti volte in più dei vegetali freschi bio.  Concretamente li definirei dei concentrati di vitamine A, B12, C, clorofilla, minerali, fibre, enzimi nutritivi altamente assimilabili, poche calorie, acidi grassi insaturi benefici, aminoacidi ed enzimi nutritivi.

Peculiarmente indicati per il consumo a crudo sono i germogli dei semi dei cereali (grano, orzo, farro, riso, miglio ecc.), semi pseudo-cereali (grano saraceno, amaranto e quinoa), semi ortaggi vari (ravanelli, finocchi, zucche, rucola, aglio ecc.),  semi (lino, girasole, sesamo ecc.). 

Indicati a cotto (sbollentati) i germogli dei legumi (fagioli, piselli, fave, fagiolini, ceci..(sostanze anti-nutrienti che la germogliazione elimina solo parzialmente).

In concreto i germogli li otteniamo facendo ''lavorare l'acqua'' e lasciando fare alla natura.  Come illustrato prima, la germogliazione porta a produrre tanti nutrienti concentrati e a produrre aminoacidi mancanti molto assimilabili.

Il procedimento per creare la germogliazione casalinga è semplice:

Procurare: semi bio, contenitore per la semina (ok un piatto fondo circa 5 cm), terriccio di alta qualità, acqua pura.

Ammollare i semi (si vedrà dopo qualche giorno un piccolo germoglio bianco)

Piantarli in terriccio inumidito, in luogo arieggiato e tiepido con luce non diretta, ben filtrata dalle finestre (fattibile pure in inverno).

Evviva l'alimentazione vivente con i germogli!!! Essa aiuta noi stessi a incontrare la vitalità degli alimenti: il loro contenuto di nutrienti organici, enzimi nutritivi assimilabili aiutano il nostro organismo ad utilizzare i propri enzimi digestivi.

Naturalmente ciao.

dott.ssa Da Ros Elisabetta