Zucchero...dolcissimo...bianchissimo...

11.07.2019

ZUCCHERO: è un dolcificante comune, utilizzato soprattutto per i dolci industriali, gelati, bibite ed altri alimenti...ma da dove deriva? Come è prodotto? Che proprietà nutrizionali ha?

Tale dolcificante è estratto dalla radice della barbabietola da zucchero (beta vulgaris saccharifera) o canna da zucchero, è (saccarosio).  La barbabietola ha proprietà benefiche poiché è ricca di minerali come sodio,calcio,ferro,potassio,magnesio, fosforo e vitamine A e B ed antiossidanti.  La scoperta che da tale vegetale fosse possibile ricavare dei cristalli di zucchero è stata fatta nel 1747 da chimico russo Dott. Margaff. 

Il processo industriale per la produzione dello zucchero bianco raffinato, fa perdere le proprietà benefiche iniziali della barbabietola o canna: essa viene dapprima lavata e triturata, riscaldata al alte temperature, trattata con calce viva cioè latte di calce, nella quale i componenti nobili del vegetale (minerali, albumine e vitamine) precipitano distrutti dal calore e dalla reazione alcalina.  La calce viva serve come depurante e i solfiti come sbiancanti.  Poi segue la depurazione della calce con anidride carbonica, infine la raffinazione con acido carbonico, solforico e carbonato di calcio.

Risultato: un ''prodotto'' bellissimo, bianchissimo, luccicante ma artefatto, inorganico, morto con calorie vuote, non di certo positivo per il nostro benessere....poichè toglie risorse al nostro organismo come le vitamine B e minerali, decalcifica creando acidosi e sbilancia l'omeostasi, portando poi tanti problemi come disbiosi, iperattività, colesterolo, obesità, osteoporosi, ritenzione idrica, rughe, trigliceridi, diabete, stress pancreatico...ecc.ecc.

Evitiamolo!!!!!

Alcune ricerche, confermano inoltre che il consumo abitudinale di zucchero raffinato porta a reazioni neurologiche di dipendenza.  Tale dolcificante alza i livelli di glicemia nel sangue e conseguentemente l'ormone insulina viene prodotto per bilanciare tale aumento portandolo nelle cellule...il cervello recepisce tale ''scossa energetica'' rilasciando dopamina che è un neurotrasmettitore associato al senso del piacere...tutto questo potrà creare dipendenza....con accumulo grasso corporeo, sensazione di fame nervosa e bramosa...sbalzi di umore...

Alternativa sana e buona:  miele casareccio (di provenienza locale), melassa di barbabietola e canna, mascobado (zucchero grezzo bruno non raffinato con melassa); tali dolcificanti vanno sempre consumati con parsimonia senza esagerazioni per l'alto carico glicemico.

A disposizione per ricette sane e pratiche di dolci fatti in casa...buoni e nutrienti!!!!



www.naturopatiaconilcuore.it